Jazz: una breve storia sulla cultura e sulle caratteristiche della danza nera

Jazz. Una breve storia culturale e le caratteristiche della danza nera

Articolo di Ksenia, tradotto in italiano e adattato dal sito secretsofsolo.com: Jazz. A Brief cultural history and characteristics of Black dance

La prospettiva storica ci aiuta a riconoscere la tradizione da cui proviene la danza jazz e a rispettare le sue origini e la sua comunità.
Quando parliamo di danza jazz, dobbiamo considerare la storia culturale della danza nera e delle sue influenze africane.
È impossibile valutare l’eredità della musica e della danza in America senza riconoscere le sue radici africane.

Nascita della danza jazz

Oggi, la parola “jazz” ha molti significati. Il jazz stesso è un argomento piuttosto complesso.

Le radici del jazz sono africane e, in particolare, dell’Africa occidentale.

 

Il Jazz ha origini africane
La ballerina africana Issa Niang si esibisce con la compagnia di balletti africani in tournée. Luogo New York, New York, USA Data presa febbraio 1959 Fotografo Ralph Morse. LIFE.com

All’inizio del XVII secolo un’enorme quantità africani fu costretta ad emigrare nel continente nordamericano e altrove per essere poi schiavizzata.

Durante il periodo di schiavitù la danza africana si sviluppò nella cultura della danza vernacolare afro-americana.

È importante conoscere i nessi tra le danze delle culture tradizionali africane e le danze dei neri americani.
Oggi è facile vedere quanti rami della danza jazz vernacolare, come il tap, il jazz di Broadway, il jazz classico, il jazz moderno, il jazz latino e così via, si sono sviluppati.
I balli vernacolari, che si svilupparono nelle piantagioni, le danze nere, avevano riferimenti animalistici diretti.

Tutti questi balli sono stati osservati dai bianchi che li hanno trovati intriganti per la loro vitalità, espressione, dinamismo e libertà nell’improvvisazione.
I ballerini neri, d’altra parte, hanno osservato i bianchi ballare nei saloni e hanno adottato l’idea dell’abbraccio ravvicinato del ballo di coppia e la verticalità della postura per i loro Cakewalks, Charleston e, più tardi, il Lindy Hop.


La danza jazz quindisi è sviluppata attraverso l’incontro, sul suolo americano, della cultura africana ed europea.
Per quanto riguarda la musica e la danza il mix tra queste due culture fu influenzato da molti fattori come la mescolanza di popoli africani di diverse tribù, la mescolanza con le tradizioni europee benché il clima e l’ambiente fosse quello delle restrizioni imposte agli schiavi.
Per capire quali sono i dettagli dell’influenza africana nella danza jazz, dobbiamo ricercarne le caratteristiche e gli elementi fondamentali.


 

Caratteristiche della danza vernacolare nera

 

“Le sei caratteristiche definite della danza vernacolare afroamericana sono ritmo, improvvisazione, controllo, angolarità, asimmetria e dinamismo”

(“Steppin ‘on the Blues”, p. 32)

Bust A Move !! | 1943 Series 2/2 Foto di Black History Album su flickr. La ballerina Katherine Dunham mentre fa la Florida East-Coast con la ballerina Ohardieno durante la performance dello spettacolo “Tropical Revue”, New York, 1943. Foto di Gjon Mili. Life Photo Archives, © Time Inc., per gentile concessione di LIFE.com

In nessun luogo lo stile afroamericano si manifesta più che nella danza. Esaminiamo più da vicino alcune di queste caratteristiche.

Ritmo

“Il ritmo è l’architettura dell’essere, la dinamica interiore che gli dà forma, la pura espressione della forza vitale”
(Thompson “African art in motion”, p.13 – 14)
La danza afroamericana è una danza ritmata e orientata al ritmo. Saper stare al passo è essenziale. Se balli in modo fantasios0 ma sei fuori tempo, non vivi con la musica, non stai ballando. Il cuore della danza jazz è nel sapersi accompagnare alla musica, salire sul “beat train” e poi abbellire il tutto aggiungendo qualcosa di nuovo.

Controllo

“Come tutti i bravi ballerini, i praticanti di questo stile, quando arriva la pausa musicale, non fanno come se si trattasse di “mollare tutto”, ma procedono in termini di stile. Una perdita di controllo è decisamente al di fuori della tradizione “(” Steppin “on the Blues”, pagina 34) Gli stili di danza vernacolare sono espressivi e potrebbero sembrare quasi frenetici rispetto alla tradizione della danza europea che a confronto appare rigida. L’idea è che non dovremmo lasciarci sopraffare dalla danza. Mantenendo un’espressione fredda del viso e un atteggiamento freddo riusciremo ad avere controllo nella danza, leggerezza e disinvoltura nel movimento.
(“Steppin’ on the Blues”, page 34)

Asimmetria

“È la mancanza di simmetria che rende la danza (afro – americana) così difficile da imparare per i ballerini bianchi. I cambiamenti improvvisi e inaspettati. / … / La presenza del ritmo e la mancanza di simmetria sono paradossali.”

(” Steppin “on the Blues”, pagina 35)

L’asimmetria come caratteristica è compresa non solo nei movimenti stessi, ma anche nella relazione tra la danza e lo stato del ballerino.

“Sebbene il ballerino possa eseguire una furia di passaggi e figure complessi, non perde mai le giustapposizioni asimmetriche di freddezza, equilibrio e controllo”

(African Dance: An Artistic, Historical and Philosophical Inquiry, p.107)


Spigolosità

Questo aspetto può rappresentare una vera sfida per un corpo allenato nella tradizione europea. Nelle danze europee le transizioni tra le posture sono più fluide, il che rende la differenza tra le posture stesse più impercettibile.

In molte danze dell’Africa occidentale le transizioni sono più accentuate e persino geometriche. L’angolarità nella danza può essere raggiunta con un alto controllo. In tutta la cultura e la dottrina africana troviamo la spigolosità.

La comunicazione nera non verbale è piena anche di spigoli.

È anche l’influenza africana che dona alla danza jazz la sua componente ritmica e le figure asimmetriche e spigolose.


Improvvisazione

L’improvvisazione è ciò che mi ha spinto personalmente a questa straordinaria danza.
In poche parole, l’improvvisazione è la creazione sul posto in quel preciso momento. È il processo di provare, sperimentare nuove idee. Tutte le danze sociali e la musica afroamericana consentono un certo grado di improvvisazione, anche nell’esecuzione.

Come ballerina di sala da ballo competitivo allenata non ho mai potuto esprimermi liberamente nella danza. Nella sala da ballo segui una tecnica e una coreografia piuttosto rigide. Eppure l”idea che tu possa fare delle scelte libere e giocare con il ritmo e i movimenti fa per me.

La danza jazz è davvero un processo di continua invenzione. Un senso di gioco, curiosità e coraggio, una profonda connessione con se stessi, il corpo e la musica sono davvero una parte essenziale dell’improvvisazione.

“L’estetica afroamericana incoraggia l’esplorazione e la libertà nella composizione. L’originalità e l’individualità non sono solo ammirate, ma anche attese. Ma la creatività deve essere bilanciata tra il personale concetto di ciò che è buono e l’idea del pubblico di ciò che è buono. Il punto è aggiungere qualcosa di personale alla tradizione senza allontanarsi troppo da essa “

(Steppin” on the Blues, page 35)

 

Lee Moates e Tonita Malau mostrano il loro stile di danza vincente durante una competizione Lindy Hop alla Savoy Ballroom il 24 aprile 1953. Hans Von Nolde / AP

La personalità e la voce individuale sono una parte vitale della cultura. In questa tradizione, si danza nel modo in cui gli altri non si aspettano che noi facciamo. Anche nei balli di gruppo, il pubblico si aspetta che ogni artista porti la propria personalità allo stile generale, creando così diversità all’interno dell’unità.


Elementi fondamentali di Jazz Dance

Come abbiamo visto, le radici delle danze jazz risiedono nelle tradizioni dell’Africa occidentale. Quindi molti degli elementi tecnici sono opposti alla tradizione europea. Vedremo ora i fondamenti del jazz solista e della danza swing come la postura, il rimbalzo (del sentire il ritmo), il backbeat, l’oscillazione dell’ottava nota e la sincope.

La postura

È importante definire il centro da cui proviene tutto il movimento. Nelle danze europee (come il balletto, il ballo da sala, le danze popolari d’Europa, ecc.), il centro del movimento del corpo è nel petto. Quando balliamo quegli stili, tendiamo a stare dritti.
Tendiamo a cercare simmetria e bellezza nella forma e la traiettoria principale del movimento è alta.

Invece nelle forme di danza di derivazione africana il centro è nel baricentro del corpo, lavoriamo con la gravità accentuando i movimenti verso il basso. Questo ha un effetto sulla postura.

Mentre il proverbio congolese dice “Danza con le ginocchia piegate, per non essere preso per un cadavere”. “Le ginocchia piegate e i corpi angolari (di ballerini neri) … erano in netto contrasto con le posture erette, le gambe dritte, i piedi rivolti verso l’esterno e le braccia arrotondate degli istruttori di danza europei e americani”

(Steppin ‘on the Blues, page 49 )

“Per molti africani occidentali e centrali, le articolazioni flesse rappresentano la vita e l’energia, mentre i fianchi, i gomiti e le ginocchia raddrizzati simboleggiano rigidità e morte”

(da Steppin on the Blues “)


 

Il rimbalzo (bounce)

Il rimbalzo o la pulsazione (o polso) è un elemento essenziale della danza swing. I passi possono essere simili in molti tipi di ballo, ma la “sensazione” che si incarna nel bounce è unica di questo stile.

Il bounce rappresenta il tempo della musica, l’impulso 4/4, è il “contrabbasso” che hai dentro di te. Mantenendo il bounce costante nel tempo, sei il metronomo di te stesso. I movimenti di danza jazz sono caratterizzati da un rilascio del peso del corpo e da una colonna vertebrale dinamica.

Il bounce è già una danza di per sé. Mentre pratichi il bounce, tieni a mente tutte quelle idee di movimento dell’Africa occidentale che ti ho spiegato.
Questi sono i commenti raccolti da Thompson in interviste con esperti di danza nell’Africa occidentale e centrale, dal libro “Steppin” sul blues “

  1. Non dovresti allineare gli arti in modo troppo rigido (Kongo)
  2. Dovresti ballare piegandoti molto a fondo. (Kongo)
  3. Tieni i gomiti e i fianchi vicini al corpo; devi muovere tutto il tuo corpo; il tutto deve vibrare, ma non devi esagerare con i gesti e le spinte delle braccia e delle gambe (Kongo)

 

Backbeat

Backbeat è un termine usato per descrivere un forte accento sul 2 e il 4 nel ritmo di 4/4 (tempo comune). Nella tradizione musicale europea è comune sottolineare solo il ritmo forte che è 1 e 3.
Il jazz è un genere musicale che ha avuto origine nelle comunità afroamericane di New Orleans, negli Stati Uniti, e una delle sue caratteristiche principali (che definisce il modo in cui noi balliamo) è l’accentuazione sul cosiddetto “debole” o “backbeat”: il 2 e il 4.

“Non battiamo le dita sul ritmo. È considerato aggressivo.”, dice il geniale compositore afroamericano Duke Ellington.

 


Syncopation & Swinging, ottava nota

Albert Murray descrive una ballerina di jazz come uno strumento a percussione in un dialogo con i musicisti. È interessante perché anche gli strumenti melodici nel jazz suonano in modo percussivo.

Questa è l’influenza africana. Quando parliamo di musica ritmica e ritmica nel jazz, dobbiamo parlare di note e sincope oscillanti.

  • La sincope è una deviazione da un normale schema ritmico, spesso ponendo l’accento su battiti più deboli.
  • La sincope sposta il ritmo prima o dopo il battito. La sincope è fondamentale per creare ritmi interessanti e complessi.

La sincope gioca con le nostre aspettative, allenta il ritmo e porta sorpresa. Un ritmo sincopato viene creato spesso usando le note oscillanti dell’ottava. La nota sincopata può cadere direttamente prima o dietro il ritmo.

L’oscillazione dell’ottava nota è un ritmo che devi sapere per ballare i passi jazz vernacolari di base.

Dà la sensazione di un singhiozzo. Ci sono molti passi che rappresentano l’ottava nota oscillante nel jazz come il triple step, lo stomp off e poi tutti i tipi di figure con azione di ball change (kick ball change, hold ball change, slide ball change, ecc.). Il ritmo è uno, le forme sono molte. Un ballerino di jazz userebbe sempre questa sincopia nella danza e nell’improvvisazione.

Swinging 8th è il ritmo che ascolterai ovunque nella musica jazz. È anche l’elemento chiave di ogni musicista, ballerino o performer nel Jazz, quindi sviluppare una profonda comprensione di questo aspetto ti aiuterà a ballare questo bellissimo, elegante, eccitante, stile di danza spontaneo afroamericano.

 


 

Fonti
  1. Steppin’ on The Blues The Visible Rhythms of African American dance by Jacqui Malone
  2. Ring Shout, Wheel About: The Racial Politics of Music and Dance in North American Slavery By Katrina Dyonne Thompson
  3. Hot Feet and Social Change: African Dance and Diaspora Communities edited by Kariamu Welsh, Esailama Diouf, Yvonne Daniel
  4. Tappin’ at the Apollo: The African American Female Tap Dance Duo Salt and Pepper By Cheryl M. Willis
  5. Class Act: The Jazz Life of Choreographer Cholly Atkins by Cholly Atkins, Jacqui Malone
  6. Jazz Dance: A History of the Roots and Branches edited by Lindsay Guarino and Wendy Oliver
  7. Choreographing Copyright: Race, Gender, and Intellectual Property Rights in American Dance By Anthea Kraut
  8. African Dance: An Artistic, Historical, and Philosophical Inquiry edited by Kariamu Welsh-Asante
  9. The Routledge Dance Studies Reader edited by Alexandra Carter, Jens Giersdorf, Yutian Wong

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.