Bye bye, Spirit of St. Louis chiude le vetrine su Facebook e Google

Spirit of St. Louis chiude le vetrine su Facebook e Google

Spirit of St. Louis ci tiene a comunicare agli affezionati clienti di aver chiuso le proprie vetrine su Facebook e Google.

Ciò non pregiudica in alcun modo la nostra presenza sui canali social e le attività online.
Semplicemente non siamo disposti a scendere a compromessi con le recenti scelte dei due colossi dell’IT verificatesi proprio ieri.

È notizia è che: Google, Facebook e Airbnb diventeranno «collaboratori fiscali» della Ue.
Che non significa, purtroppo che le suddette multinazionali pagheranno le tasse dovute nei Paesi dove invece sono campionesse di evasione ed elusione fiscale, bensì – al contrario – che collaboreranno a segnalare tutti i loro partners commerciali come lo era Spirit of St. Louis fino a pochi minuti fa.

Pur non avendo nulla da nascondere: i vostri acquisti sono sempre accompagnati da ricevuta online e fattura commerciale allegata alle spedizioni, riteniamo che chi collabora con noi lo debba fare nel reciproco interesse e non con finalità estranee al rapporto, se non addirittura deviate verso tutt’altra natura.

Siamo per l’apertura, non per la chiusura entro recinti sempre più stretti. Siamo sempre più convinti che oggi occorra avere il coraggio di difendersi a costo di qualche (altro) piccolo sacrificio come quello che compie Spirit of St. Louis.
Ci auguriamo che tantissimi vorranno seguire il nostro esempio.


 

Siamo fermamente convinti che il ruolo dello Stato nell’assolvere i propri compiti – se ne è capace – dovrebbe essere sostentuo già dalle imposte che versiamo. Tale segno di manifesta incapacità, come se ci fosse bisogno di vederne degli altri, consente alle autorità di sconfinare ulteriormente entro il recinto delle libertà di cittadini ed imprese e dei loro clienti.

Chiudiamo le vetrine su Facebook e Google

Per questo abbiamo deciso di chiudere immediatamente le vetrine su Facebook e Google adducendo le seguenti motivazioni:

Spirit of St. Louis non intende collaborare con Aziende che patteggiano con il Governo italiano o a livello europeo il trasferimento di dati sensibili, ovvero di fare attività di spionaggio sui partners invece che concentrarsi esclusivamente sulla promozione delle loro attività.
Non intendiamo consegnare i dati sulle nostre attività commerciali che l’Agenzia delle Entrate non sia già in grado di raccogliere nel normale rapporto tra Aziende e Stato.
Paghiamo già le tasse affinché ciò avvenga, ovvero che lo Stato svolga le sue funzioni. Non è altresì Nostra intenzione dover sospettare che qualcuno possa inviare dati errati così da assumendoci la preoccupazione che ai cronici errori dell’erario, si possano aggiungere anche i Vostri.

Spirit of St. Louis Italia

Non ci sorprende prendere atto che lo Stato si associ ai veri professionisti dell’elusione nella persecuzione del sistema produttivo italiano con picchi di tassazione che raggiungono il 64%.
L’eleganza e la bellezza possono esistere solo se c’è libertà.
E noi non siamo disposti a sopportare nuove restrizioni alle libertà. Del resto siamo nati proprio con questo spirito, tanto che lo abbiamo immortalato nel nostro logo.

Spirit of St. Louis rimarrà al Vostro fianco ancora molto a lungo
Online e offline

Cosa cambia nel rapporto tra noi e i nostri clienti? Ben poco, con o senza vetrine su Facebook e Google.
Siamo disposti a privarci delle scorciatoie per raggiungere il nostro shop attraverso Instagram.
È coerente con il nostro modo di intendere slow fashion – a testa alta – invece che inchinarci ad un sistema nemico del made in Italy e vessatorio con chi fa impresa con impegno, passione ed onestà.

Spirit of St. Louis rimarrà presente sui social ed ovviamente Vi invita a continuare ad acquistare sul negozio online ufficiale che abbiamo aperto da appena pochi giorni.

logo Spirit of St. Louis - the aviator
Spirit of St. Louis rappresenta la libertà!
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

4 commenti su “Bye bye, Spirit of St. Louis chiude le vetrine su Facebook e Google”

  1. Chapeau! Non mi riconosco proprio nello stile di abbigliamento che proponete però, dopo questo post, finisce che compero lo stesso qualcosa da tenere nell’armadio. Vi (ci) auguro di farcela a resistere a questa ondata predatoria. Sapere che c’è gente non tremebonda che sa prendere una posizione e difenderla (ci vuol coraggio ad avvviare e mantenere un’attività, figuriamoci a dichiarare apertamente di non voler essere complici dei gabellieri) rincuora non poco ma, contemporanemente, preoccupa anche parecchio per le inevitabili rappresaglie che seguiranno (il prepotente non può lasciare impunito chi lo sfida o non si piega alla sua prepotenza. Altrimenti si scoprirebbe che è solo una sagoma di cartapesta). Spero in ogni bene per voi e i vostri collaboratori perchè, alla fine, il bene vince; forse non così presto come vorremmo ma quando vince se ne apprezza davvero il valore. AD MAIORA!

    1. Buongiorno, la ringraziamo per le sue parole di incoraggiamento.
      Qualora vorrà farci l’onore di una Sua nuova visita, potrà trovare articoli del tutto adatti a qualsiasi occasione, come le nostre t-shirt e i nostri zaini, acquistabili rispettivamente ai due seguenti links, arrivederci: MAGLIETTE SPIRIT OF ST. LOUIS https://bit.ly/3oyYhkP – ZAINI SPIRIT OF ST LOUIS https://bit.ly/37JI7hY

  2. Complimenti al management. Saggia decisione.
    Il mondo è sotto sopra. Il Governo Italiano abdica e delega la funzione di esattore a terzi. Segno della totale incapacità delle “istituzioni” di funzionare.
    Il paradosso è che le organizzazioni terze che ricevono la delega sono le stesse che, legalmente, eludono montagne di tasse … grazie ai paradisi fiscali Europei!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.