Gurkha, il pantalone diventato leggenda per aver perso la guerra

Il pantalone Gurkha è diventato un classico intramontabile; ma non per questo un totem inamovibile.
Ecco come Spirit of St. Louis è riuscito ad adattarlo alle esigenze dell’uomo moderno. Lo abbiamo reinventato e reso più comodo e moderno.

Il Gurkha è un capo diventato ormai un classico, che per di più, ha una affascinante storia alle spalle.
Spirit of St. Louis lo ha saputo reinventare nel dettaglio chiave, che sta nella chiusura.
Ci siamo presi una licenza sartoriale solo perché ci consentiva di reinventare un vecchio capo e renderlo migliore.
Con la nostra innovazione, da oggi, avrai la possibilità di scegliere tra due versioni; quella tradizionale e la nostra; molto più pratica, veloce e soprattutto versatile.


L’affascinante storia di un popolo dato per sconfitto ancora prima della guerra
che seppe ribaltare il pronostico a lungo, grazie alle truppe Gurkha

La parola “Gurkha” deriva dalla città di Gorkha, una piccola città del Nepal.

Nel 1814, la Gran Bretagna inviò la Compagnia britannica delle Indie Orientali; 30.000 soldati in Nepal.
Con un invio così massiccio di truppe L’impero britannico era convinto che avrebbe schiacciato l’esercito locale composto per lo più da 12.000 miliziani Gurkha; un reparto nepalese che invece seppe ribaltare il pronostico e mettere in bilico quella guerra.

Ci vollero infatti ben due anni di cruenti e sanguinose battaglie perché i britannici riuscissero a vincere.

Lindy hop pantalone gurkha di Spirit of St. Louis con cinturini in vita completamente ridisegnati

Lindy Hop è il pantalone gurkha in stile militare come quello dell’aeronautica britannica intorno all’anno 1944. Spirit of St. Louis lo ha rivisitato per renderlo più confortevole

 

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO PANTALONE


 

Gli inglesi rimasero talmente impressionati dal valore messo nel campo di battaglia dal nemico che, dopo la pace, firmarono un trattato con il Nepal che riservava a Sua Maestà di reclutava le truppe Gurkha rendendole, ancora oggi, di fatto un suo corpo militare.

Tale ammirazione era così elevata che I pantaloni Gurkha e i pantaloncini Gurkha furono usati anche dai soldati britannici impiegati negli anni Quaranta e Cinquanta.
A causa del suo status speciale, la denominazione di questo tipo di pantaloni è stata mantenuta venendo successivamente mutuato in un capo di abbigliamento appositamente adattato al look del gentleman.

Originariamente progettati per i climi più caldi, i “Gurkhas” erano generalmente disponibili solo come pantaloncini corti e presentavano un’ampia apertura per le gambe per un flusso d’aria ottimale.

Com’è fatto il pantalone Gurkha?

Nonostante fossero fatti per il campo di battaglia della giungla, questi pantaloncini spiccavano per la raffinata ricerca nella loro chiusura allacciatura superiori.
Essa infatti consisteva in due cinghie sovrapposte fissate da fibbie minimali a fori applicati alle estremità delle cinghie stesse, su ambo il lati.

Il motivo di tale progettazione era dovuto alle dure condizioni che i soldati dovevano sopportare durante lunghi periodi di schieramento in territori caldi e umidi che potevano condizionare la continua oscillazione del peso dei soldati e della relativa misura del girovita anche di settimana in settimana.

 

Truppe scozzesi di istanza in Italia indossano il pantalone uomo gurkha. Spirit of St. Louis ve lo ripropone in versione migliorata

Truppe scozzesi nella seconda guerra mondiale ufficiali gurkha Italia

 

L’innovazione di un sistema di cintura altamente regolabile e sicuro significava che i pantaloncini potevano essere allacciati o allentati per adattarsi, evitando così la necessità di nuove uniformi.
Fino ad oggi il loro sistema di allacciatura era rimasto tale e quale.

L’adattamento alla moda maschile
a partire dagli anni ‘80

I pantaloni Gurkha guadagnarono slancio negli anni ’80 come articolo di moda, con versioni proposte da Banana Republic che vendevano la propria versione degli indumenti militari.

Oggigiorno, le versioni più lunghe dei pantaloncini, come la nostra, hanno guadagnato popolarità nell’ambito del menswear.

Spirit of St. Louis ha deciso di farne l’ammiraglio della collezione, perché si distingue per la propria originalità.

Mancava ancora qualcosa che lo rendesse unico e imprescindibile. Lo abbiamo individuato, modificato e proposto come innovativo e versatile.

Poteva esistere un difetto, un limite in questo pantalone?
C’era qualcosa che potevamo fare per migliorarne le caratteristiche già di per sé fantastiche?

Abbiamo inventato la chiusura scorsoria
per una maggiore adattabilità al girovita
e per una maggiore praticità

La praticità e la facilità d’uso sono due fattori cruciali al giorno d’oggi.
Pertanto è fondamentale saper adattare lo stile vintage alle esigenze d’uso moderne.

Se è vero che il gurkha conserva tutto il fascino del pantalone classico, è altrettanto vero che slacciarlo e riallacciarlo può risultare troppo farraginoso, soprattutto quando di va di fretta o si è in movimento.

Occorreva quindi semplificarlo pur mantenendone inalterati i valori.

Per quanto possa sembrare impossibile, dopo un lunga esperienza nell’uso del pantalone Gurkha, abbiamo realizzato che avremmo potuto migliorarne la chiusura in vita per renderla ancora più pratica.

Lindy Hop di Spirit of St. Louis il gurkha uomo, con i cinturini in vita completamente ridisegnati. Perfetta replica del pantalone dell'aviazione britannica del 1944

Lindy Hop di Spirit of St. Louis il gurkha uomo, con i cinturini in vita completamente ridisegnati. Perfetta replica del pantalone dell’aviazione britannica del 1944

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO PANTALONE

I due cinturini laterali, nella versione originale, a nostro avviso, presentano due piccoli-grossi limiti.

Il primo è il passo tra i fori presenti sui cinturini.
Essi determinano la gradualità con cui la cinta può essere stretta ed allargata per adattarsi al vostro girovita, impedendo dei passi intermedi tra un foro e l’altro.

Il secondo limite consiste nella complessità della svestizione in tutte quelle situazioni di emergenza che richiederebbero una istantanea slacciata.
Così abbiamo pensato a sostituire il meccanismo del Grurkha originale, con una chiusura scorsoria per una maggiore adattabilità al girovita e per una maggiore praticità.

L’innovazione del Gurkha Spirit of St. Louis
è nel cinturino scorsoio.

La nostra innovazione consiste nella sostituzione della cinghia, con un doppio anello che funge da passante. Niente più fori e fibbie quindi.
In questo modo sia la allacciatura che la slacciatura risulteranno più immediati e ancor di più lo sarà la regolazione successiva.

Pensa te solo alle varie situazioni di movimento oppure a quando sarà necessario togliersi un maglione o una camicia per rimanere in t-shirt. Sono due tipiche situazioni abituali nel ballo.
Ma lo stesso può accadere entrando in ufficio o sedendosi al tavolo di un ristorante o in qualsiasi ambiente riscaldato oppure quando ci si alza e ci si siede di frequente.

Qualunque siano le situazioni in cui sei abituato a trovarti, potresti riscontrare l’esigenza di un meccanismo di chiusura del tuo Gurkha, diverso dal solito.
In questo caso Spirit of St. Louis ti offre una alternativa; la possibilità di regolare in maniera più immediata ed efficace il girovita.

Una seconda opzione, una sorta di terza via, consiste nel passante a finestra, che potresti scegliere quando acquisti un Gurkha Spirit of St. Louis in cotone più leggero e più in generale i tessuti estivi.
In un caso simile consigliamo il passante metallico che offre due vantaggi.
Il primo vantaggio è che il tuo pantalone manterrà l’estetica della classica fibbia retangolare – mantenendo quindi l’originale aspetto militare.
Il secondo vantaggio è che la cintura rimarrà stabile, poiché, nonostante il cotone più liscio e/o più leggero tenda a “scivolare via”, con questo accorgimento andiamo a bloccare anche il tessuto più scivoloso.

Più leggerezza quindi; più agilità e comodità. Queste sono le caratteristiche che abbiamo voluto offrire ai nostri affezionati, con questa piccola innovazione.
Sono anche tutte caratteristiche, che si sposano con il concetto di movimento, che lo rendono il nostro Gurkha più veloce e “easy” e che ci hanno suggerito di dedicare questo pantalone militare al nostro aviatore preferito, Charles Lindbergh, detto Lindy.